Attenzione alle truffe sui bancomat e le carte di credito contactless

Stiamo parlando della nuova tecnologia che prevede di poter pagare in modo estremamente rapido senza l’uso di contanti.

La nuova tecnologia prevede l’uso di POS specifici: è sufficiente accostare il  bancomat e le carte di credito o lo smartphone abilitato contactless al Pos, per effettuare il pagamento.

Per importi inferiori ai 25 € non è necessario inserire nessun codice PIN.

E come sempre, inventata la nuova tecnologia, inventata anche la nuova truffa.

I truffatori sono in possesso di un apparecchio POS, esattamente uguale a quello che trovate nei negozi, vi si affiancano in locali affollati, nei treni o nei bus di linea, accostano l’apparecchio alle tasche e ai portafogli ed il gioco è fatto.

I prelievi sono sempre di piccole cifre, al di sotto dei 25€, per cui non viene richiesta nessuna ulteriore conferma ad autorizzare il trasferimento di denaro. 

In molti casi, dato il piccolo importo, i tuffati non si rendono nemmeno conto dei soldi che sono stati sottratti loro.

Come evitare di essere truffati con la tecnologia contactless?

In internet se ne leggono davvero di tutti i colori: c’è chi afferma che l’unico modo per evitare la truffa sia quello di avvolgere le carte in carta stagnola, chi promette appositi contenitori.

Bisogna ricordare che la tecnologia contactless prevede che la distanza tra l’apparecchio POS e la carta o il dispositivo abilitato al pagamento, siano inferiori ai 10 cm.

E’ quindi molto importante prestare attenzione alle persone che vi si avvicinano eccessivamente. 

MasterCard e Visa impiegano lo standardEMV, che prevede il rispetto di determinati requisiti anche per la velocità di comunicazione tra la carta e il terminale, ma conosciamo purtroppo molto bene le capacità di sedicenti truffatori che ne sanno sempre una più del diavolo.

 

Fonte

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

Ti potrebbe interessare anche: