Allaccio Gas

La delibera 40/2014 regolamenta l’allaccio gas per gli usi civili quali: il riscaldamento, la cottura dei cibi e la produzione di acqua calda sanitaria.PBRLo scorso Febbraio, l’ /AEEG// (Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas) ha reso pubblica la Delibera n. 40/2014/R/gas, per l’allaccio del gas, dal titolo: Disposizioni in materia di accertamenti della sicurezza degli impianti di utenza a gas: modifiche e integrazioni alla deliberazione 18 marzo 2004, n. 40/04/EM.

/PPIMG title=”piano cottura a gas” alt=”piano cottura a gas” /PQuest’ultimo, con la 40/04 attualmente in vigore, si verifica quando l’utente chiedendo la /fornitura// gas al distributore locale per il suo nuovo impianto, non fornisce tutta la documentazione richiesta entro trenta giorni lavorativi. PSuperato tale tempo, il /distributore// per non incorrere in denunce, deve comunque garantire la fornitura di gas all’utente che potrà essere soggetto ad eventuali controlli da parte delle autorità comunali.

/PPCon la nuova delibera gli impianti degli utenti sono classificati, in funzione della potenza in diverse fasce, con valori diversi da quelli definiti dalla delibera 40/04 e che tengono conto del D.P.R. 151/11 sulla
/Prevenzione// incendi e dei vari aggiornamenti delle norme UNI. In base a tali fasce sono definiti gli accertamenti per gli impianti gas ed i relativi costi, descritti di seguito:

/PPPortata termica complessiva impianto = 35 kW, costo: 47 €BRPortata termica complessiva impianto 35 kW e =350 k, costo: 60 €BRPortata termica complessiva impianti 350kW, costo: 70€

/PPBRLa delibera 40/2014 rispetto alla delibera 40/04 ha modificato significativamente anche gli /allegati obbligatori// per la fornitura del gas, che devono essere redatti sia dall’utente che dalla ditta installatrice.

/PPLa nuova modulistica che sarà recapitata ad un utente che vuole allacciare il suo nuovo impianto gas alla rete di gas città è costituita dai seguenti moduli:

/PP/L’allegato F/40// (che sostituisce l’Allegato F alla Del. n. 40/04), esso è in due possibili versioni: la prima da allegare al preventivo per nuovo allacciamento gas, deve essere compilato dall’utente. BRLa seconda versione è da allegare al preventivo per la richiesta di spostamento del contatore e relativa riattivazione impianto di utenza gas, deve essere compilato dall’utente.

/PP/L’allegato G/40// (che sostituisce l’allegato G alla Del. n. 40/04), viene trasmesso dalla azienda fornitrice di gas al cliente finale successivamente alla richiesta di attivazione/riattivazione della fornitura.

/PP/L’allegato H/40// (che sostituisce l’allegato H alla Del. n. 40/04), serve a confermare la richiesta di attivazione o della riattivazione della fornitura di gas, deve essere compilato dall’utente.

/PP/L’allegato I/40// (che sostituisce l’allegato I alla Del. n. 40/04), è relativo all’attestazione di corretta esecuzione dell’impianto, deve essere compilato dalla ditta installatrice che riporterà in esso anche uno schema dell’impianto realizzato o esistente e modificato.

/PP/IMG title=”caldaia a gas” alt=”caldaia a gas” /Progetto,// quando è previsto, la relazione tipologie materiali utilizzati, lo schema dell’impianto realizzato, l’attestazione di conformità per gli impianti realizzati con materiali o sistemi non normalizzati, la copia del certificato di riconoscimento o visura camerale con i requisiti tecnico-professionali della ditta installatrice e le eventuali dichiarazioni di conformità precedenti o parziali, già esistenti.

/PPIn alcuni casi sono necessarie le dichiarazioni del progettista, come per gli impianti soggetti alle disposizioni in materia di
/Prevenzione// incendi.
/P
pa href=”http://www.lavorincasa.it/allaccio-gas/” target=”_blank” rel=”nofollow”View the original article here/a
/P

Lascia un commento