Appuntamento con le olimpiadi 2016

Se non avete ancora deciso dove passare le vacanze quest’anno, l’idea di andare all’estero vi stuzzica, vi piacciono le spiagge, il mare e la samba, allora il Brasile è il posto che fa per voi! Se in più siete degli amanti dello sport, non potete perdervi quest’occasione di viaggio perché proprio in Brasile quest’anno ad agosto si terrà l’evento tanto atteso dal mondo degli atleti, le Olimpiadi 2016.

 

Ecco che il Brasile, già reduce del Campionato Mondiale di Calcio del 2014, ospiterà un altro dei grandi eventi internazionali cari a tutti gli amanti dello sport. Parliamo delle tanto attese Olimpiadi 2016 ed è la prima volta che per l’avvenimento dei giochi olimpici viene selezionato un paese Sudamericano, ma la preferenza è stata inequivocabile, poiché Rio de Janeiro ha ricevuto 36 voti in più del secondo paese favorito, la Spagna, pertanto essere stato eletto è stato più che meritato!!

I giochi olimpici si apriranno ufficialmente il 5 agosto 2016, nel famoso stadio conosciuto da tutti come Maracanã, l’ Estádio Jornalista Mário Filho e si concluderanno ufficialmente il 21 agosto 2016. Il giorno di apertura si terrà la meravigliosa celebrazione dell’arrivo della torcia olimpica. Come da tradizione la torcia, manufatto lungo circa 65 centimetri il cui peso non raggiunge i due chilogrammi, simbolo per eccellenza dei giochi olimpici, verrà accesa ad Olimpia, in Grecia, per poi passare, grazie ai dodicimila tedofori implicati nel tragitto, per altre trecento città prima di arrivare a Rio de Janeiro per la cerimonia di inizio dei giochi.

Gareggeranno più di diecimila atleti provenienti da più di duecento paesi del mondo, che si affronteranno in ventotto discipline, due in più rispetto all’ultima edizione delle Olimpiadi poiché ritornano il golf ed il rugby. In realtà gli sport sono ventotto, poiché le varianti degli stessi portano a quarantadue discipline totali, con più di trecento competizioni con medaglia.

I Giochi Olimpici e Paraolimpici utilizzeranno in parte le costruzioni realizzate per i Mondiali e in parte strutture nuove create ad hoc per accogliere tutte le discipline dell’evento. Quindi le competizioni saranno ripartite tra le aree a queste dedicate di Copacabana, Maracanã e Deodoro, il villaggio olimpico è stato realizzato Barra da Tijuca e nella stessa area verranno ospitate alcune delle discipline, la sola eccezione riguarda le competizioni calcistiche, delle quali non si sa ancora la sede del loro svolgimento, ma sembra che non sia stato organizzato nelle città sopramenzionate.

Anche per questa edizione non poteva mancare la mascotte olimpica, ma la novità della XXXI edizione dei Giochi Olimpici è che gli accompagnatori fantastici saranno due, rispettivamente Vinicious, un felino giallo in rappresentanza della fauna brasiliana, e Tom un divertente albero simbolo della flora locale. E’ curioso sapere che i nomi delle mascotte sono stati scelti grazie ad un referendum svoltosi on-line e vogliono essere un omaggio a Vinicius de Moraes e Tom Jobim, talenti indiscussi della musica brasiliana.

Sebbene gli spagnoli continuano a rivendicare la scelta inopportuna del Brasile come paese ospitante le Olimpiadi 2016, soprattutto dopo i problemi sopraggiunti durante i Mondiali di calcio, principalmente di carattere economico, ma anche di carattere sportivo viste le strutture inadeguate, il Governo Brasiliano, lungi dal tirarsi indietro, si è rimboccato le maniche e non si da per vinto. In realtà la scelta del Brasile è avvenuta molto prima dei Mondiali di calcio 2014, quando tutto sembrava possibile, ma ancora oggi, a poco più di un mese dall’inizio delle Olimpiadi, sembra che le strutture non siano pronte, gli eventuali rischi per la mala organizzazione e per il non rispetto delle norme di sicurezza rimangono una minaccia e non si può ancora dire con certezza se davvero ne comprometteranno il successo. Ciò che sì è sicuro è che in Brasile le Olimpiadi 2016 saranno una vera e propria festa!!

Fonte

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

Ti potrebbe interessare anche: