Banche, Visco: ”Serve cambio di passo, su redditivit

ultimo aggiornamento: 07 ottobre, ore 17:00Roma – (Adnkronos/Ign) – Il governatore di Bankitalia: ”Il recupero di redditivit? esige interventi sul costo del lavoro”. Quanto alle ”difficolt? nel sistema creditizio, non sono destinate a essere riassorbite rapidamente”

condividi questa notizia su Facebook <
/P>Roma, 7 ott. (Adnkronos/Ign) – “Non c’? una soluzione immediata, semplice, per far s? che le banche tornino a svolgere pienamente il loro ruolo di sostegno all’attivit? economica. Occorre proseguire nell’azione volta a recuperare redditivit? e a rafforzare il patrimonio, ad adeguare le strategie aziendali alle mutate condizioni tecnologiche e di mercato. Anche alle banche ? oggi richiesto un netto cambio di passo”. E’ quanto afferma il governatore di Bankitalia, Ignazio Visco, in occasione della presentazione del Rapporto sul Sistema Finanziario Italiano della Fondazione Rosselli. Quanto alle ”difficolt? nel sistema creditizio”, secondo la previsione del governatore, ”non sono destinate a essere riassorbite rapidamente”. “Nel breve termine – rileva Visco – il recupero di redditivit? esige interventi incisivi sui costi, anche del lavoro; ci? richiede un deciso processo di revisione della combinazione dei fattori produttivi e della struttura dei canali distributivi”. Il numero uno di Via Nazionale spiega che la debolezza del quadro macroeconomico, le incertezze intorno all’intensit? e al vigore economico, impongono alle banche italiane di “proseguire sulla strada del presidio dei rischi di liquidit? e di credito, del rafforzamento patrimoniale, del contenimento dei costi”. La ripresa dell’economia e il ritorno a condizioni fisiologiche nel mercato del credito, confida Visco, “consentiranno di rendere le politiche di allocazione dei fondi coerenti con un pi? ampio sostegno creditizio a famiglie e imprese”. Non solo. “Un pieno recupero della fiducia degli investitori, nazionali ed esteri, favorito dall’equilibrio dei conti pubblici e dalle riforme a sostegno della crescita, potr? consentire che ci? avvenga senza che si manifestino tensioni sul mercato dei titoli di Stato”. Il governatore parla anche delle Fondazioni che, dice, “devono diversificare i propri portafogli per ridurre la dipendenza dai risultati della banca di riferimento”. Soprattutto, “devono evitare di interferire nella governance e nelle scelte imprenditoriali degli intermediari”.

View the original article here<
/P>

Lascia un commento