Come denunciare un abuso edilizio

Rispondiamo a molti utenti che ci hanno chiesto, a commento di vari articoli, come comportarsi per denunciare presunti abusi edilizi commessi dai propri vicini.PBRIMG title=”abusi edilizi” alt=”abusi edilizi” src=”C:\wamp\www\abs\Auto Blog Samurai\data\comefar\rsscomefarfaidate2\gif” width=300 onload=pagespeed.lazyLoadImages.loadIfVisible(this); height=173 pagespeed_lazy_src=”http://media.lavorincasa.it
/Post/13/12323/data/465257479.jpg”Molti utenti ci hanno chiesto, a commento di diversi nostri articoli, come comportarsi per denunciare presunti /abusi edilizi// commessi dai propri vicini.

/PPCertamente denunciare un abuso edilizio può essere un comportamento corretto dal punto di vista civico e giuridico, da parte della cittadinanza, per aiutare le autorità preposte nel compito di /sorveglianza del territorio//, oltre che un modo utile a far valere i propri diritti se si ritiene di aver ricevuto, con l’opera abusiva, un danno.

/PPTuttavia, prima di sporgere denuncia, è necessario essere sicuri che l’intervento realizzato o in corso di realizzazione sia abusivo.BRPer prima cosa, quindi, è necessario saper riconoscere cos’è un abuso edilizio: si tratta di un intervento edilizio realizzato /in assenza del relativo permesso o in difformità//, anche parziale, da esso.

/PPL’entità può, quindi, essere diversa: si va dalla costruzione di un intero edificio senza permesso di costruire, magari su un’area non edificabile, all’ampliamento di un edifico esistente regolarmente realizzato, ma in assenza di titolo autorizzativo.BRMa ancora, l’abuso può configurarsi quando si realizza un’opera in maniera difforme dal permesso rilasciato o si cambia la destinazione d’uso prevista per un immobile.BRPiccoli abusi sono anche le opere interne realizzate senza la relativa comunicazione necessaria, in questo caso facilmente /sanabili//.

/PPBRSe si ha il sospetto che il vicino stia commettendo un abuso edilizio, è necessario verificare se davvero non sia in possesso dei necessari titoli autorizzativi.

/PPLa legge prescrive l’esposizione di un /cartello di cantiere// dove sono indicati tutti i dati relativi all’intervento, la sua assenza è già indizio di qualche irregolarità, ma non necessariamente, in quanto la norma è spesso sottovalutata.BRD’altro canto, la presenza del cartello non sta necessariamente a significare che tutto quanto si svolge nel cantiere sia regolare.

/PPUn altro sintomo di lavori irregolari può essere la presenza dell’impresa in /orari inusuali// e diversi da quelli abituali di lavoro o la realizzazione di opere in tempi record/EM.

/PPIMG title=”accesso agli atti” alt=”accesso agli atti” src=”C:\wamp\www\abs\Auto Blog Samurai\data\comefar\rsscomefarfaidate2\gif” width=300 onload=pagespeed.lazyLoadImages.loadIfVisible(this); height=200 pagespeed_lazy_src=”http://media.lavorincasa.it
/Post/13/12323/data/465896039.jpg”Se quindi si ritiene che ci siano tutti i presupposti di un abuso edilizio è necessario recarsi presso la /Sezione Edilizia// del proprio comune per chiedere visione della strumentazione urbanistica  e confrontare gli interventi consentiti per quella zona, con quelli che si stanno realizzando nel cantiere incriminato o chiedere un /accesso agli atti// per verificare la documentazione relativa all’intervento.

/PPPer questa fase è opportuno farsi seguire da un /tecnico abilitato// (architetto, ingegnere o geometra), che conosce gli indici di edificabilità della zona  e che potrà valutare delle eventuali difformità.

/PPNaturalmente, nel caso in cui la documentazione risulti del tutto assente, non ci saranno dubbi in merito alla presenza di abusi.

/PPBRSolo nel momento in cui vi siete accertati di essere effettivamente in presenza di un abuso edilizio, è possibile presentare un /esposto// presso il comando locale della
/Polizia Municipale//.BRNon è sufficiente effettuare la denuncia in forma verbale, magari al telefono, ma è necessario recarsi al comando ed effettuare la deposizione /in forma scritta//.

/PPIMG title=”denuncia in forma scritta” alt=”denuncia in forma scritta” src=”C:\wamp\www\abs\Auto Blog Samurai\data\comefar\rsscomefarfaidate2\gif” width=300 onload=pagespeed.lazyLoadImages.loadIfVisible(this); height=194 pagespeed_lazy_src=”http://media.lavorincasa.it
/Post/13/12323/data/118292466.jpg”Di solito è prevista la compilazione di un apposito modulo, che può essere sottoscritto /anche in forma anonima//, barrando l’apposita casella, se si hanno timori di eventuali ripercussioni. Ma ricordiamo che la denuncia diretta rimane sempre la forma di azione più corretta, oltre che più efficace. Infatti l’anonimato non sempre garantisce l’intervento delle forze dell’ordine.BRInvece, le generalità che vengono fornite nel caso di una denuncia diretta, non vengono rese pubbliche, soprattutto all’interessato.

/PPQuindi, l’esposto, se non in forma anonima, dovrà contenere generalità e indirizzo di chi effettua la denuncia, oltre che gli estremi di un documento d’identità.BRDovrà poi contenere una /descrizione// precisa dell’intervento in corso di realizzazione o già realizzato. Infine dovrà essere specificata la proprietà e l’indirizzo dell’immobile oggetto del presunto abuso.
/PSaranno poi ii Vigili a trasmettere l’esposto alle autorità competenti, quali il Comune di riferimento, il Questore, il Commissario di Pubblica Sicurezza e la Procura della Repubblica, che daranno l’avvio all’/iter di controlli, sospensione dei lavori e ai relativi provvedimenti punitivi// (sanzioni pecuniarie, provvedimento di demolizione, sequestro del cantiere, ecc.). PUna volta effettuata la denuncia è consigliabile prendere nota del /numero di protocollo// dell’esposto in modo da poterne seguire l’iter e verificare possibili, anche se rari, insabbiamenti o inefficienze.

/PPInoltre, per rendere più completa la denuncia, soprattutto quando si è di fronte a gravi abusi, che hanno anche implicazioni di carattere ambientale, può essere utile produrre anche un’idonea /documentazione fotografica//, magari utilizzando foto digitali con data sovraimpressa.
/P
pa href=”http://www.lavorincasa.it/articoli/in/normative/come-denunciare-un-abuso-edilizio/” target=”_blank” rel=”nofollow”View the original article here/a
/P

Lascia un commento