Come fare a perdonare un tradimento

Allarme tradimento. Cosa faccio?
Un’ altra ha cercato di portartelo via e le immagini di loro due, complici e felici, occupano ogni spazio libero dei tuoi pensieri. E’ dura, lo sappiamo, ma prova a far tacere la gelosia per ripensare a com’era il tuo rapporto prima. E sentire se puoi perdonarlo o se è il caso di lasciarlo andare.
Ci sono casi in cui la storia con l’altra è veramente importante e lui ha già deciso, non c’è nulla da fare. Certo si può sempre combattere, ma ne vale la pena??  Molti psicologi sostengono che il tradimento a volte può essere terapeutico. L’infedeltà a volte chiarisce e stupisce: il terremoto c’è stato, ora conviene ricostruire dalle macerie? Conviene nello stesso punto? Il territorio rimarrà saldo? O era già traballante? Sono queste le domande che bisogna porsi, per non soccombere nello smarrimento. Piangere serve solo per scaricarsi, poi bisogna asciugarsele e ripartire! Inizia a riflettere su te stessa ponendoti delle domande fondamentali.
Quanto sei possessiva?
Se sei possessiva metti in conto che ti sarà più difficile mettere da parte, accantonare, archiviare, dimenticare. Dentro di te quell’affronto non si cancellerà mai e alla prima occasione, anche più banale, riemergerà, nonostante lui ti abbia chiesto perdono mille volte. Il consiglio è prendere un’altra strada, sarebbe sofferenza, sia per te ,sia per lui. Prendi un periodo di pausa, staccati da lui per valutare meglio la situazione. Non perdonarlo subito, sarebbe un bluff verso di lui e verso te stessa.
Com’era la vostra relazione prima dell’accaduto?
Fai un bilancio onesto della tua relazione, in modo oggettivo potresti anche scoprire i motivi del suo tradimento. Sii sincera con te stessa. Guardati dal di fuori.

Com’era il vostro rapporto sessuale e affettivo?
Facevate l’amore? Ti sentivi un’anima sola con lui? Lo ascoltavi, lo coccolavi, lo stimavi? Era ancora amore vero? Se è così, l’infedeltà ti è piovuta addosso come un fulmine a ciel sereno. Il consiglio è combattere, facendo emergere un rapporto che fino a ieri credevi perfetto. Lo sforzo è immane, ma si tratta di censurare le immagini di lui con lei, deglutire e assorbire il colpo. Ne sei ancora innamorata, ricomincia da zero.
Era diventata abitudine?
Non condividevate più le emozioni di un tempo? Facevate finta che tutto fosse come prima, ma non era così? Vivevate la vostra relazione bendati? Il tradimento non è che un piccolo sintomo di questa crisi. Il consiglio è iniziare a chiedersi che cos’era lui per te , una presenza scontata, un uomo che non stimavi nemmeno più e con cui non facevi neanche più l’amore. In questo caso il tradimento è utile per smuovere una situazione stagnante da tempo, aprirsi nuove strade. Marcire dentro una relazione già logora è puro masochismo.

Affrontalo!
Se ne sei ancora innamorata, è il momento di parlarne con lui. Lo capirai subito se sarà sinceramente pentito, se dice di amarti come un tempo. Non seguire il cervello, lascia perdere la razionalità. Segui l’istinto, la pancia, i 5 sensi di cui siamo dotati, per scoprire quello che è restato del vostro amore. L’amore è chimica, desiderio, contatto fisico, emozioni. Basta nulla. Un gesto, uno sguardo o una carezza per perdonare.

Fonte

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

Ti potrebbe interessare anche: