Come fare un articolo di giornale perfetto per l’esame di maturità

Quando inizia l’ultimo anno delle superiori, il primo pensiero va a quello (tremendo!) dell’esame di maturità. Fra le varie prove da affrontare, identica per tutti gli studenti di qualunque indirizzo scolastico, c’è la prova d’italiano. Questa contempla, fra le varie opportunità, quella di realizzare un articolo di giornale (finto) data una certa traccia.

Già in passato avevamo stilato una guida su come fare un articolo di giornale perfetto per l’esame di maturità, ma qui vogliamo dilungarci un po’ in più e offrire qualche spunto maggiore agli studenti.

Cosa scrivere?

Prima di tutto è bene dire che, nonostante si tratti di un articolo di giornale finto, occorre seguire la traccia e non uscire al di fuori del tema previsto, in quanto una “leggerezza” del genere potrebbe far precipitare il vostro voto. Attenersi alla traccia, dunque, e fare poi ricorso al materiale fornito per lo sviluppo del pezzo e, infine, cosa da non sottovalutare, alle conoscenze acquisite durante l’anno scolastico.

Molto spesso, viene esplicitamente chiesto se realizzare un’intervista oppure un normale pezzo giornalistico: in caso di scelta, orientatevi su ciò che vi rende maggiormente sicuri. Se vi sentite a vostro “agio” a porre domande, seppur ad un ipotetico interlocutore, scegliete l’intervista come forma; in caso contrario, optate per una forma discorsiva.

Le 5 W

Basta aprire un normale quotidiano per rendersi conto che tutti gli articoli di giornale di cronaca e non riportano, immediatamente nel cappello di apertura, le famose 5 W, ovvero:

  • who = chi
  • what = cosa
  • where = dove
  • when = quando
  • why = perché

L’attacco del pezzo è fondamentale, poiché è qui che si cattura una parte dell’attenzione del lettore e si danno le informazioni principali e necessarie. In seguito, all’interno del pezzo stesso, avrete la possibilità di dilungarvi con dettagli precisi, anche con posizioni emotive e considerazioni personali – qualora il caso lo consenta -, ma all’inizio occorre dare le informazioni di base dell’accaduto, senza fronzoli.

Il testo centrale

Realizzato il capello di apertura, occorre pensare al testo centrale. Considerate che un buon giornalista, anche se si tratta “solo” di una prova per l’esame di stato, non dovrebbe inventare frottole, ma attenersi alla realtà dei fatti. Le fonti, pertanto, diventano il fulcro essenziale sul quale lavorare. E devo essere verificate sempre.

Ma dove reperire, in questo caso, le fonti? Così come vale anche per le altre prove d’esame, come ad esempio il saggio breve, una parte delle informazioni sarà contenuta già all’interno della traccia; il resto, considerato che non in sede d’esame non si ha accesso a nessun database, dovrà essere farina del vostro sacco, ovvero ciò che avete studiato durante l’anno e che è quindi previsto nel programma di studio della quinta superiore.

In alcuni casi, l’articolo di giornale può essere incentrato su fatti, eventi e/o ricorrenze che cadono nell’anno di interesse, pertanto è buona norma tenersi sempre aggiornati guardano i tg o leggendo i giornali.

Conclusione

Realizzato il pezzo, dovrete riportare le vostre conclusioni. Alcuni giornalisti sostengono che inizio e conclusione siano le parti più interessanti per il lettore, il che è verosimile se si pensa che l’attacco serve a catalizzare l’attenzione del lettore stesso, mentre la conclusione è utile per lasciare qualcosa: uno spunto di riflessione, uno sprono a reagire/comportarsi in un certo modo, ecc.

Pertanto, anche qui è fondamentale essere convincenti. Se non si tratta di un editoriale o di un pezzo di critica, evitate considerazioni troppo personali, che potrebbero essere fuori luogo soprattutto in alcuni contesti. Siate, dunque, oggettivi, per quanto vi è possibile.

Titolo

Il titolo di un articolo giornalistico è, probabilmente, il vero colpo d’occhio del pezzo. Non è un caso che nelle grandi redazioni esista una figura specifica atta proprio a realizzare titoli: il titolista, appunto.

Poche parole ma decise, “seducenti”, capaci di attirare l’attenzione del lettore e di “costringerlo” a fermarsi sul vostro articolo.

Il consiglio è quello di allenarsi a scrivere articoli di giornale con largo anticipo rispetto alla data prevista per gli esami. Anzi, vi suggeriamo altre tre guide a tema utili per lo studio:

In bocca al lupo a tutti!

(fonte foto: pixabay.it)

Fonte

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

Ti potrebbe interessare anche: