Come bloccare un sito in Firefox, Chrome e Internet Explorer

Ci sono vari motivi per i quali si abbia la necessità di bloccare un sito. Ad esempio, dovete studiare o lavorare e per non cedere in tentazione volete bloccare, ad esempio, il sito internet di Facebook; oppure non volete che i vostri figli accedano a specifici portali; oppure ancora ci sono pop up insopportabili da gestire, ecc. Qualunque sia la vostra motivazione, imparare a farlo è decisamente semplice.

In questa guida vi spieghiamo come bloccare un sito se utilizzate come browser Firefox, Chrome o Internet Explorer. Tutte le prossime indicazioni sono di norma valide anche per device differenti dal computer, poiché i programmi e le estensioni utili alla causa sono ottime sia, per esempio, su iPad, sia su tablet che smartphone.

Vediamo il dettaglio.

Come bloccare un sito in Firefox

La domanda è sempre la stessa: come posso bloccare un sito? Beh, se utilizzate Firefox per navigare in rete, per risolvere il problema non dovete far altro che recarvi sulla pagina dei componenti aggiuntivi del browser e scaricare un’estensione gratuita: LeechBlock.

La procedura da adottare è la seguente:

  1. Accedete alla pagina dei componenti aggiuntivi di Firefox;
  2. Cliccate su LeechBlock “Aggiungi a Firefox”;
  3. Poi procedete con “Installa adesso”
  4. E per finire “Riavvia adesso”

A questo punto, dopo il riavvio del browser, l’estensione sarà attiva. Adesso non resta altro che recarvi nella sezione “Strumenti” di Firefox, selezionare LeechBlog e procedere su “Options”. Nel box appena apertosi dovrete inserire l’url dei siti che volete bloccare, una per riga.

Consiglio: il blocco può essere impostato anche per un periodo di tempo preciso, tipo dalle ore 9:00 alle 18:00, dal lunedì al venerdì. In alternativa, si può sempre spuntare l’opzione che prevede il blocco permanente del sito web.

Il programma permette inoltre anche di creare fino a 6 schede diverse di liste di siti internet da bloccare, e di aggiungere una password per impedire a terzi utenti di modificare le impostazioni.

Come bloccare un sito in Chrome

Come per Firefox, anche per bloccare un sito internet in Chrome occorre soltanto una semplice estensione da scaricare sul Web Store del browser. Ecco come procedere:

  1. Collegatevi al Chrome Web Store;
  2. Cliccate sul pulsante “Aggiungi” in alto a destra dell’estensione TinyFilter;
  3. A questo punto si aprirà una finestra: cliccate su “Aggiungi”

Ora, avete praticamente terminato il tutto. Per bloccare un sito, non dovete far altro che collegarvi ad esso e cliccare sull’iconcina di TinyFilter che trovate in alto a destra nella barra degli strumenti di Chrome. Da qui dovete solo selezionare la voce “Block this site” e poi “Ok”. Il sito web fastidioso è finalmente bloccato!

Sebbene non sia possibile impostare un tempo di blocco come accade per Firefox, è invece possibile immettere una password per evitare che qualcuno modifichi le vostre impostazioni.

Come bloccare un sito in Internet Explorer

Chiudiamo la nostra guida occupandoci di come bloccare un sito in Internet Explorer. Qui, a differenza degli altri due browser, non dovete scaricare nessun componente aggiuntivo, ma vi basterà solo recarvi sull’icona dell’ingranaggio presente in alto a destra della vostra pagina. Poi, procedete in questo modo:

  1. Selezionate la voce “Opzioni Internet” dal menù;
  2. Si aprirà una scheda: cliccate su “Contenuto”;
  3. Cliccate poi su “Attiva” per rendere operativa la funzione dedicata al Controllo verificato;
  4. Adesso, recatevi sulla scheda “Siti approvati”;
  5. Inserite l’url del sito che intendete bloccare;
  6. Spuntate “Mai”

Dopo questa fase, aprite la scheda “Generale” e mettete una spunta alla voce “Visualizzazione di siti senza classificazione”: in questo modo, impedirete al browser di bloccare tutti i siti, limitandosi a quelli selezionati – appunto – con “Mai”. Anche qui, infine, è possibile inserire una password per limitare l’accesso alle opzioni prestabilite.

Dite addio a distrazioni, siti molesti e pop up!

(fonte foto: pixabay.it)

Fonte

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

Ti potrebbe interessare anche: