Come montare il terzo stop alle automobili sprovviste

PIMG alt=”Come montare il terzo stop alle automobili sprovviste”
  happycartuning.it Circa a /metà// degli anni novanta, è diventato obbligatorio nelle /automobili// di nuova produzione il /terzo stop//, ovvero quella luce rossa che si accende quando si frena, di norma posizionata al centro sopra il /vetro posteriore dell’automobile//. Se le macchine sono più vecchie di quando è stato introdotto l’obbligo, è probabile che siano sprovviste di questo accessorio. Se volete rendere più sicura la vostra guida anche in condizioni di /scarsa visibilità//, allora con questi consigli potrete montare da soli il terzo stop alla vostra auto.
/P/Assicurati di avere a portata di mano:// terzo stop colla cacciavite nastro isolante o morsetti

/PP1 Per prima cosa bisogna munirsi degli accessori necessari. Quindi recatevi preso un’officina con ricambi ed acquistare il terzo stop. Se volete risparmiare qualche euro potete acquistarlo presso un centro commerciale ben fornito oppure tramite internet. Altre cose di cui avrete bisogno sono un cacciavite e del /nastro isolante//.

/PP2 Recatevi alla vostra /automobile// e verificate che il motore sia spento e così anche tutte le luci. Ora aprite il portabagagli. Insieme al terzo stop, dovrebbero avervi venduto anche la colla per attaccarlo. Se non è così, è necessario acquistare anche quella. Stendete quindi la colla facendo attenzione a posizionarla bene al centro tra le due estremità laterali, ed attaccate la lampada. Una volta che la colla ha fatto presa aspettiamo qualche ora prima di montare i fili.

/PP3 Pensiamo ora ai collegamenti: passate i due fili che partono dal /nuovo stop// intorno al vetro, in modo che non si vedano.  Ora aprite il coperchio del faro posteriore, raggiungibile dal vano sottosella.  /Approfondimento// Come montare la lampada terzo stop alla nuova panda (clicca qui)/EM Trovate la lampadina dello stop (per farlo vi basterà farvi aiutare da qualcuno, facendolo frenare mentre voi tenete d’occhio le lampadine, oppure utilizzando un tester) e individuate il cavo positivo.  Ora guardate i fili del vostro terzo stop.  Solitamente sono uno nero, ed è quello negativo, ed un rosso, positivo.  Se invece sono entrambi neri, di solito quello positivo è segnato da una strisciolina bianca.. 

/PP4 Individuate le polarità dei fili, seguite il positivo dello stop e scopritelo dalla gomma nel punto più comodo. Qui attaccherete il filo positivo del vostro terzo stop. Il terzo, collegatelo a massa, il più vicino possibile alla polarità negativa della batteria. Per giuntare il tutto utilizzate del nastro adesivo isolante. Se li avete, sarebbe ancora meglio utilizzare morsetti a cappellotto. Ora richiudete il coperchio facendo attenzione a non tranciare i fili appena giuntati, nel caso il coperchio non si chiuda, fateci con un taglierino una piccola scanalatura. Ora fate una prova per vedere se tutto funziona correttamente. Se sì, avrete il vostro nuovo /terzo stop montato//!

/PPL’indicatore di stop montato all’interno del
/Portellone della Panda// (/terzo stop//), monta di serie cinque … vai alla guida »

/PPLa crisi è sempre più pesante e il /mercato dell’automobile// in /Italia// ne risente molto … vai alla guida »

/PPLa Golf, è una vettura di marca tedesca, dotata di ricambi ed accessori, in cui … vai alla guida »

/PPContrariamente a quello che accade all’estero, in Italia non sono molti i camperisti che utilizzano … vai alla guida »

/PPDurante la guida di una moto se improvvisamente si brucia il faro o i / readability=”2″fari … vai alla guida »
/P/
/PTra le /innovazione più utili// e lodevoli che la tecnologia ha apportato alle nostre /auto// … vai alla guida »

/PPI contenuti di questo sito sono scritti direttamente dagli utenti della rete tramite la piattaforma O2O
/PO2O è il marketplace web di contentuti del gruppo Banzai

/PP© Copyright 2011 Banzai Media S.r.l. P. IVA 05791120966 Tutti i diritti riservati
/P
pa href=”http:/
/Pianetamotori.liquida.it/come-montare-il-terzo-stop-alle-automobili-sprovviste-10621.html” target=”_blank” rel=”nofollow”View the original article here/a
/P

Lascia un commento