Come velocizzare Google Chrome su Android smartphone e tablet

BGoogle Chrome/B oltre ad essere il browser più utilizzato su i computer, è piuttosto diffuso anche nella sua versione mobile per Bsmartphone e tablet Android/B e iOS. PNel caso specifico dei dispositivi BAndroid/B, qualora si riscontrasse qualcheB problema di lentezza e bassa reattività di Chrome/B le cause possono essere dovute sia alle caratteristiche hardware del cellulare o tablet (in particolare poca Bmemoria RAM/B installata e processore poco potente) sia al software che in questo caso è il browser di Google.BRSebbene per quanto riguarda la parte hardware non c’è ovviamente modo di migliorare la situazione, come riportato su questa discussione Reddit si può però Bintervenire a livello software/B, ovvero sulle Bimpostazioni sperimentali di Chrome/B Bper renderlo più reattivo e più veloce nel caricare le pagine internet e i contenuti web/B.

/PPTenere in considerazione che le modifiche che andremo ora a vedere potrebbero anche non produrre effettivi miglioramenti sul proprio cellulare o tablet, ma stando ai commenti degli utenti del thread su Reddit la maggior parte di loro ha confermato i miglioramenti.

/PPPer prima cosa occorre lanciare Google Chrome e come nella sua versione Desktop, nella barra degli indirizzi internet digitare Bchrome://flags/B e premere Invio per aprire e visualizzare la pagina degli esperimenti del browser.BRIMG border=0 src=”C:\wamp\www\abs\Auto Blog Samurai\data\comefar\rsscomefarinformatica7\”Nella lista occorre ora cercare l’esperimento “BSezioni massime per l’area di interesse/B” (per facilitare il tutto toccare il tasto menu del proprio dispositivo Android e usare la funzione “Trova nella pagina”). PDa impostazioni predefinite questo parametro è configurato per sfruttare un basso quantitativo di RAM del cellulare o tablet. Toccando però il pulsante “Predefinito” è possibile e consigliabile Baumentarlo a 256 fino a 512 MB di RAM/B in maniera tale da Bvelocizzare appunto l’apertura e il caricamento delle pagine internet e dei vari contenuti web/B.

/PPN.B. Tenere in considerazione che dedicando più RAM a Chrome, avviando altre app oltre al browser di Google, quest’ultime potrebbero rallentare le loro prestazioni in quanto appunto una fetta della memoria RAM del dispositivo risulterà occupata da Chrome; di conseguenza, specialmente per cellulari e tablet con poca RAM, utilizzare il browser singolarmente senza eseguire altre app mentre è in esecuzione.

/PPPer rendere effettiva la modifica è necessario Briavviare Chrome/B premendo il pulsante “BRiavvia ora/B” che verrà visualizzato in basso a sinistra dello schermo.

/PPInfine come ancora riportato sul thread di Reddit, si può prendere in considerazione di abilitare il parametro sperimentale “BAttiva SPDY/4 alpha 2/B” che serve ad Baccelerare il trasferimento delle pagine web/B (come rimpiazzo dell’HTTP)B con conseguente guadagno in velocità di caricamento e apertura/B. In questo modo si potrà accedere ancora più rapidamente ai siti che adoperano SPDY (come Facebook e altri). Anche in questo caso per rendere effettiva la modifica occorre riavviare Chrome.

/PPQualora si riscontrassero problemi in seguito alle modifiche apportate, basterà ripristinare gli esperimenti al loro stato originale.
/P(function(d, s, id) {var js, fjs = d.getElementsByTagName(s)[0];if (d.getElementById(id)) {return;}js = d.createElement(s); js.id = id;js.src = “http://connect.facebook.net/it_IT/all.js#xfbml=1”;fjs.parentNode.insertBefore(js, fjs);}(document, ‘script’, ‘facebook-jssdk’));!function(d,s,id){var js,fjs=d.getElementsByTagName(s)[0];if(!d.getElementById(id)){js=d.createElement(s);js.id=id;js.src=”/
/Platform.twitter.com/widgets.js”;fjs.parentNode.insertBefore(js,fjs);}}(document,”script”,”twitter-wjs”);IMG src=”C:\wamp\www\abs\Auto Blog Samurai\data\comefar\rsscomefarinformatica7\pin_it_button.png”
pa href=”http://feedproxy.google.com/~r/blogspot/IPkX/~3/feJ30QH0y_M/come-velocizzare-google-chrome-su-android.html” target=”_blank” rel=”nofollow”View the original article here/a
/P

Lascia un commento