Contributi per eliminazione barriere architettoniche

E’ prevista l’erogazione di contributi a fondo perduto a copertura di tutta o parte della spesa necessaria ad eliminare le barriere architettoniche in edifici privati.PBRLe /barriere architettoniche// sono degli ostacoli fisici che impediscono la fruizione degli spazi a persone con problemi motori o visivi.BRPuò trattarsi di scale, gradini, porte troppo strette, ascensori non accessibili con la carrozzina, ecc.

/PPIMG title=”barriere architettoniche” alt=”barriere architettoniche” /Parti comuni di edifici condominiali//.

/PPBRIMG title=”contributo per eliminare barriere architettoniche” alt=”contributo per eliminare barriere architettoniche” ”richiedere /PIl contributo viene erogato dal Comune al termine della realizzazione dei lavori, entro 15 giorni dalla presentazione della copia delle fatture, sulla base della /spesa effettivamente effettuata//.BRSe questa sarà inferiore al preventivo presentato, il contributo sarà calcolato su quanto realmente pagato. PPossono anche essere versati eventuali /acconti// al prestatore d’opera, che saranno soggetti anch’essi a contributo.

/PPQuesto contributo è /cumulabile// con altri eventuali contributi, purchè l’importo complessivo erogato non superi la spesa effettivamente sostenuta.

/PPPuò accadere che i fondi a disposizione del Comune non coprano tutte le domande arrivate. In tal caso le domande rimaste insoddisfatte saranno evase l’anno successivo.BRPer questo motivo viene fissata una sorta di /graduatoria,// in cui hanno la precedenza i richiedenti aventi disabilità totale. A seguire viene considerato l’ordine cronologico con cui sono state presentate le domande.

/PPE’ sufficiente soltanto che l’anno successivo non venga meno qualcuno dei presupposti, come ad esempio se il richiedente si trasferisce ad un altro domicilio.
/P
pa href=”http://www.lavorincasa.it/contributi-per-eliminazione-barriere-architettoniche/” target=”_blank” rel=”nofollow”View the original article here/a
/P

Lascia un commento