Etica nel settore gioielliero italiano ma criticit

Amadei: “Spesso le pmi gi? praticano la csr ma non sanno di farla” ultimo aggiornamento: 04 ottobre, ore 16:39Le imprese del comparto orafo sono state analizzate da un’indagine condotta da BilanciaRsi, network che opera in merito alle tematiche inerenti la Responsabilit? sociale d’impresa (VIDEO)

condividi questa notizia su Facebook <
/P>Roma, 4 ott. – (Adnkronos) – Conoscono e praticano la responsabilit? sociale, ma bisogna intervenire di pi? sulla tracciabilit? della catena di fornitura. Sono le imprese del settore gioielliero italiano che sono state analizzate da un’indagine condotta da BilanciaRsi, network che opera in merito alle tematiche inerenti la Responsabilit? sociale d’impresa. In particolare spiega all’Adnkronos Filippo Amadei di BilanciaRsi, “la maggioranza del comparto gioielliero italiano conosce le tematiche della responsabilit? sociale e realizza gi? iniziative di csr”. L’elemento di criticit? riguarda “la gestione del perimetro allargato dell’impresa, ossia la tracciabilit? della catena di fornitura. Sotto questo aspetto soprattutto le piccole e medie imprese, che costituiscono la maggior parte del tessuto gioielliero italiano, fanno ancora fatica a concentrare gli sforzi”. Secondo Amadei, “un aiuto pu? arrivare dai grandi marchi del lusso che stanno gi? realizzando dei sistemi di tracciabilit? della filiera”. Quindi, “dato che le pmi costituiscono i loro fornitori stanno iniziando a chiedere di considerare le questioni etiche ambientali e sociali all’interno dei propri processi di approvvigionamento”. In realt?, “spesso le pmi gi? praticano la responsabilit? sociale ma non sanno di farla. Esistono comportamenti responsabili sommersi e per questo servono iniziative in grado di offrire pi? consapevolezza per generare una gestione migliore”. Gli interventi di responsabilit? sociale di queste imprese, dunque, “riguardano soprattutto il perimetro ristretto dell’azienda, ossia attenzione all’ambiente, all’informativa verso i gruppi di interesse mentre si deve fare di pi? per la gestione del perimetro allargato ossia la tracciabilit? dei fornitori”.

View the original article here<
/P>

Lascia un commento