Google street view tra le calli e i canali di Venezia

La scorsa estate i trekker di Google, con i loro “zaini-robot” in spalla, hanno percorso Venezia in lungo e in largo (430 chilometri a piedi e 185 in barca): un lavoro il cui frutto è sbarcato da alcuni giorni online, rendendo possibile per la prima volta a chiunque, da qualsiasi parte del mondo, esplorare e visitare virtualmente una delle città più belle mai costruite dall’uomo. <
/P> 

Il team di Mountain View non si è limitato a passeggiare fra le strade della città, ma è salito in gondola e in traghetto, offrendo ai navigatori virtuali di tutto il globo la possibilità di un viaggio virtuale a 360° nella Serenissima dal computer di casa, tra palazzi storici, ponti, calli e campielli: da piazza San Marco alla Biblioteca Marciana, dalla Torre dell’Orologio fino a perle nascoste come la Sinagoga del primo Ghetto Ebraico o il Ponte del Diavolo nell’isola di Torcello.<
/P> 

Il viaggio è arricchito dalla possibilità di esplorare le opere d’arte del Museo Correr , del Museo del Vetro  e della Galleria Internazionale d’Arte Moderna di Ca ‘Pesaro , i cui tesori sono entrati a far parte del progetto del Google Cultural Insitute.<
/P> 

Infine, all’interno di un minisito appositamente realizzato, gli utenti hanno la possibilità di mettere a confronto la Venezia di oggi, con i dipinti di Carpaccio e Cesare Vercellio raffiguranti gli stessi luoghi immortalati dai trekker di Big G, oppure di immergersi nella storia senza tempo dei più suggestivi luoghi Venezia usando una mappa del 1838.<
/P>

View the original article here<
/P>

Lascia un commento