La festa dell’uomo nudo in Giappone

PSi chiama BHadaka Matsuri/B , che tradotto dal giapponese significa “Festa dell’uomo nudo”: è la tradizionale celebrazione shintoista che si svolge ogni anno a febbraio in decine di località del Giappone. La più famosa ha luogo ad BOkayama/B, sull’isola di Honshu, dove il rito ha avuto inizio (viene fatto risalire al periodo Nara, VIII secolo a.C.) e a cui, presso il tempio di Saidai-ji, a ogni stagione partecipano circa 9.000 uomini, di fronte a una folla di spettatori che conta fino a 300.000 presenze. La cerimonia si svolge dalle 22 alle 6 del mattino.
/P PBIl RITO/B: Dopo aver trascorso alcuni giorni in isolamento e preghiera, i partecipanti si dirigono correndo verso il tempio, vestiti del solo fundoshi (il tradizionale perizoma) e a piedi nudi, investiti da lanci di acqua ghiacciata. Giunti nel tempio, gli uomini gareggiano – ma aiutandosi a vicenda – per accaparrarsi un ramo a cui sono appesi dei dolci tipici, poi offerti alle divinità. Segue una lotta per conquistare gli shingi, dei pezzetti di legno “portafortuna” lanciati da un celebrante. Chi li conquista è il nuovo Shin-Otoko (Uomo nudo), colui cioè che, completamente denudato, assume il ruolo di assorbire tutta la sfortuna di chi riesce poi a toccarlo. 
/P PDopo aver letto dei norito (discorsi solenni di carattere magico), gli uomini lasciano il tempio alla volta di una vasca colma di acqua gelata. Consumato il bagno rituale e indossato l’abito cerimoniale, si consuma infine il banchetto rituale, dove per riscaldarsi non manca il sake.
/P PLe foto di Trevor Williams per Getty Images.
/P
pa href=”http://foto.panorama.it/foto-strane-curiose/uomo-nudo-giappone-okayama” target=”_blank” rel=”nofollow”View the original article here/a
/P

Lascia un commento