L’innovazione sociale

ultimo aggiornamento: 02 ottobre, ore 17:40Si chiude il Salone della Csr e dell’innovazione sociale a Milano, hanno partecipato 3mila persone e 110 organizzazioni

condividi questa notizia su Facebook <
/P>Milano, 2 ott. – (Adnkronos) – L’innovazione sociale ? una risorsa strategica per le imprese che vogliono uscire dalla crisi rafforzando il loro impegno nella Corporate Social Responsibility. E’ una delle principali evidenze emerse dal Salone della Csr e dell’innovazione sociale che si chiude oggi a Milano dopo due giorni di incontri, convegni, workshop e dibattiti e che ha coinvolto 110 organizzazioni e 3000 visitatori all’Universit? Bocconi di Milano. Le imprese che stanno sperimentando i modelli di business pi? innovativi considerano un elemento cruciale per il loro successo il dialogo e il coinvolgimento fattivo dei diversi portatori d’interesse (stakeholder). Dipendenti, clienti, fornitori, comunit?, soggetti pubblici, organizzazioni non profit, ambiente: l’impresa vincente collabora con tutti i suoi interlocutori per creare un valore condiviso e sostenibile. Ed i suoi risultati di business non nascono da una competizione senza regole e senza etica ma dal coinvolgimento degli stakeholder attraverso modalit? e prassi innovative che riguardano i prodotti e i processi, l’organizzazione e la gestione interna e il sistema in cui l’azienda ? inserita. ”La filiera diventa sempre pi? un elemento cruciale per il successo per le organizzazioni, ma non soltanto nel senso tradizionale di catena efficiente – osserva Rossella Sobrero, presidente di Koin?tica e fra gli organizzatori del Salone – Oggi le imprese che integrano la sostenibilit? nella loro visione e nel loro business si rivolgono ai soggetti della filiera non imponendo ”dall’alto” standard e norme ma lavorando insieme a loro per una crescita comune che consenta di rispondere meglio alle richieste dei consumatori e alle sfide del mercato”. Sono i consumatori stessi infatti che chiedono di poter acquistare prodotti sempre pi? sostenibili, alimentari ma anche per la casa, abiti, accessori, come pure i servizi. Alle aziende le persone chiedono maggior controllo nella produzione ma anche pi? attenzione nella progettazione degli imballaggi e un’informazione corretta che insegni a utilizzare meglio i prodotti e a non sprecarli. Secondo l’Osservatorio sulla Corporate Social Responsiblity realizzato da Mimesi in occasione del Salone della Csr e dell’innovazione sociale e che ha isolato le conversazioni e gli articoli sul web fra giugno e luglio 2013, i settori maggiormente citati dalle persone che parlano di Csr sulla rete sono l’alimentare (12%), il pubblico (11%), il farmaceutico (9%), il bancario e il chimico (7% per entrambi). I consumatori collegano i temi della responsabilit? sociale d’impresa alle aziende multinazionali (39%) e multinazionali italiane (42%) e solo per il 18% alle piccole medie imprese. ”E’ un dato che non mi stupisce – commenta Rossella Sobrero – Al Salone della Csr e dell’innovazione sociale hanno partecipato molte Pmi che realizzano pratiche di responsabilit? sociale spesso senza farlo sapere o talvolta anche senza rendersene conto. Uno degli obiettivi della nostra manifestazione ? anche mettere in rete queste realt? ed aiutarle a comunicare meglio le loro azioni”. Al Salone sono state molte anche le presentazioni di start up innovative. ”Il ruolo dei giovani rimane per? ancora critico – conclude Sobrero – Mancano spazi di intervento, non sono sufficienti le risorse dedicate al loro inserimento nel mondo del lavoro anche da parte delle imprese responsabili. Anche se crescono nuove imprese (spin off e start up) il mercato non sempre ? pronto a intercettare e utilizzare i servizi e le potenzialit? offerti da queste nuove realt?”.

View the original article here<
/P>

Lascia un commento