Nadal in finale a Pechino, Rafa torna numero uno del mondo dopo 101 settimane

ultimo aggiornamento: 05 ottobre, ore 09:35Pechino – (Adnkronos) – Djokovic cede lo scettro da ‘re del circuito’ all’iberico che ha vinto 10 dei 13 tornei disputati, trionfando in particolare al Roland Garros e allo Us Open

condividi questa notizia su Facebook <
/P>Pechino, 5 ott. (Adnkronos) – Rafa Nadal vola in finale nel torneo Atp di Pechino (cemento, montepremi 3,5 milioni di dollari) e torna il numero 1 del mondo. Lo spagnolo, seconda testa di serie nell’appuntamento cinese, in semifinale beneficia del ritiro del ceco Tomas Berdych, che abbandona il match sul punteggio di 2-4 nel primo set per un problema alla schiena. Nadal riconquister? il trono Atp nel nuovo ranking che verr? ufficializzato luned?. Dopo oltre 2 anni, quindi, il mancino si riprende il primato ceduto all’inizio di luglio 2011 a Novak Djokovic. Il serbo deve arrendersi a prescindere dai risultati che otterra’ a Pechino: in semifinale affronta il francese Richard Gasquet. Djokovic ceder? lo scettro dopo 101 settimane da ‘re del circuito’. Il sorpasso ? il coronamento della rincorsa che Nadal ha cominciato a febbraio, quando ? tornato a giocare dopo 7 mesi di stop per i soliti problemi alle ginocchia. L’iberico ha vinto 10 dei 13 tornei disputati, trionfando in particolare al Roland Garros e allo Us Open. Ora, nella parte finale della stagione, Nadal ha tutto da guadagnare in termini di classifica: negli ultimi eventi, infatti, non deve difendere nessun punto rispetto al 2012. Discorso opposto che per Djokovic, che un anno fa ha trionfato a Shanghai e nelle Atp Finals di Londra. Pechino, intanto, si conferma un luogo speciale per Nadal. Nella capitale cinese lo spagnolo ha conquistato la leadership nel ranking per la prima volta il 18 agosto del 2008, rimanendo in vetta alla classifica per 46 settimane. E’ quindi tornato al top il 7 giugno del 2010 per vivere altre 56 settimane da numero uno. Adesso, probabilmente nel miglior momento della carriera, si appresta a vivere la terza esperienza al vertice.

View the original article here<
/P>

Lascia un commento