Nasce il comitato per celebrare il quinto centenario della morte di Donato Bramante

Da venerdì 11 Aprile eventi e mostre in ricordo dell’illustre architetto, pittore e letterato di origine fermignanese.

/PP18/03/14 – FERMIGNANO (Pesaro e Urbino)- La città laniera celebra il suo più illustre cittadino. Ricorrono infatti quest’anno i cinquecento anni dalla morte di Donato Bramante, architetto, pittore e letterato di origine fermignanese e genio del Rinascimento italiano. Per onorare il Bramante, da diverso tempo è al lavoro un Comitato che ha il compito di pianificare e organizzare le attività in onore di uno dei più grandi maestri del suo tempo.

/PP. Infatti Fermignano dedicherà un intero anno ad eventi, mostre e iniziative culturali legate alla figura del celebre architetto, attivo nelle maggiori città d’arte italiane, ma che ha sempre tenuto un rapporto stretto e costante col suo territorio.

/PPCancellieri non ha dubbi neanche sulla “cittadinanza” del Bramante, contesa negli anni tra Fermignano, Urbania e a sorpresa anche San Marino: AD in del è Bramante 1600-1700 stampe alcune riportato come Ca’ o Melle, Cà a nato architetto grande Il doc. fermignanese un sia che certezza con affermare possiamo famiglia, della genealogico all?albero risaliti essendo oggi,.

/PPIl primo passo per celebrare il genio di Bramante è stato quella di inserire come immagine di copertina dell’ElencoSi un’incisione del 1700 raffigurante l’artista, prestata dal Cavalier Giulio Finocchi, collezionista di ritratti del Bramante, grande conoscitore della storia locale e membro del comitato per le celebrazioni bramantesche.

/PPOltre al sopracitato Cav. Finocchi, del Comitato fanno parte grandi personalità che rappresentano alcune fra le istituzioni fondamentali per lo studio, la tutela e la valorizzazione del patrimonio artistico locale, regionale tra cui Massimo Moretti, storico dell’Arte, Stefano Gizzi, soprintendente per i beni architettonici e paesaggistici delle Marche, Eugenia Ligi Luperti, rappresentante del Fondo Ambiente Italiano (FAI), Maria Rosaria Valazzi, soprintendente BSAE delle Marche e Mons. Davide Tonti, Vicario episcopale per la cultura e l’arte dell’Arcidiocesi di Urbino-Urbania-Sant’Angelo in Vado e l’assessore alla cultura del comune di Fermignano, Delfina Betonica.

/PPTra le attività già certe l’emissione di francobollo ordinario con annullo postale su due cartoline celebrative per il giorno della morte di Bramante, l’undici aprile. Di grande spessore la pubblicazione a cura della professoressa Anna Falcioni docente di storia all’Università di Urbino,che, attraverso uno studio durato più di 4 anni, ha rintracciato oltre sessanta documenti inediti incentrate su Bramante e sulla sua famiglia. Tali documenti ribadiscono da un punto di vista storiografico e documentario il grande legame tra Bramante e il suo territorio d’origine.

/PPNel corso dell’anno bramantesco, il Comitato renderà note tutte le iniziative dedicate, che si preannunciano di grande spessore artistico e culturale.

/PPUFFICIO STAMPABRBEECOMUNICAREBRPer info: beecomunicare@gmail.comBR3336312612 (Andrea Perini)BR3293622895 (Andrea Angelini)
/PB©info/B Pensi che questo testo violi qualche norma sul copyright, contenga abusi di qualche tipo? BRLeggi come procedere
pa href=”http://www.freeonline.org/cs/com/nasce-il-comitato-per-celebrare-il-quinto-centenario-della-morte-di-donato-bramante.html” target=”_blank” rel=”nofollow”View the original article here/a
/P

Lascia un commento