Oltre quattro mln gli italiani nel mondo.

ultimo aggiornamento: 03 ottobre, ore 15:50Roma – (Adnkronos) – Rapporto Fondazione Migrantes: il fenomeno in crescita del 3,1% rispetto al 2012. L’Asia la pi? gettonata, mentre ? la Lombardia la regione con pi? partenze

condividi questa notizia su Facebook <
/P>Roma, 3 ott. (Adnkronos) – Dall’Italia si continua ad emigrare, l’Asia la pi? gettonata, mentre ? la Lombardia la regione con pi? partenze. A gennaio di quest’anno i connazionali residenti oltreconfine sono 4.341.156, pari al 7,3% dei circa 60 milioni di italiani residenti in Italia. L’aumento, in valore assoluto, rispetto al 2012 ? di 132.179 iscrizioni all’anagrafe, pari a +3,1% e +5,5% rispetto al 2011 periodo in cui, secondo l’Istat le cancellazioni di cittadini per l’estero sono state 50.057 (+10.512 rispetto al 2010), mentre le iscrizioni sono state 31.466 (+3.274 rispetto al 2010). Il numero degli espatri, quindi, ? il pi? alto registrato dal 2000. E’ quanto emerge dal Rapporto ‘Italiani nel Mondo 2013′ della Fondazione Migrantes presentato oggi alla Domus Mariae a Roma. Dunque, aumentano gli italiani che scelgono di andare in Asia dove, nel 2013, rispetto all’anno scorso, sono stati registrati pi? di 3.500 italiani residenti. Il paese maggiormente interessato da questi spostamenti di residenza ? stato la Cina, con una comunit? italiana costituita da oltre 6.700 persone (+905 italiani residenti nel 2013). La popolazione italiana residente in Cina nel 2013 ? triplicata rispetto al 2006 (+239%), con un picco di trasferimenti nel 2009 (+25%). Non solo. Tra gli italiani che decidono di trasferirsi nel Paese del Sol Levante, si sta facendo strada una categoria particolare: quella dei “cinesi di ritorno”, ovvero i cittadini cinesi nati o cresciuti nel Belpaese che, grazie ai titoli di studio acquisiti in Italia e alla padronanza della lingua italiana e cinese, si lasciano alle spalle la recessione in Europa per cavalcare l’ondata di crescita della Cina. Contrariamente agli ultimi anni, in cui si registrava la partenza prevalente di italiani provenienti da regioni meridionali, negli ultimi tre anni, invece, si emigra di pi? dalla Lombardia (+17.573) e dal Veneto (+14.195), a cui si segue la Sicilia (+12.822). Ma chi sono gli italiani residenti all’estero? Il 54% ? celibe, il 38,1% ? coniugato, i vedovi sono il 2,6% e i divorziati il 2,0%. Il 15,5% di loro risulta minorenne, il 21,0% ha tra i 18 e i 34 anni, il 25,0% ha tra i 35 e i 49 anni, il 19,1% ha un’et? compresa tra i 50 e i 64 anni e il 19,4% ha pi? di 65 anni. La mobilit? ? molto diffusa anche tra gli studenti universitari e i giovani laureati. Nell’anno accademico 2010-2011 sono stati quasi 20.000 gli studenti italiani che hanno utilizzato il Programma comunitario Erasmus per la mobilit? e la cooperazione tra le universita’ in Europa. Le destinazioni preferite sono state la Spagna (7.547 studenti), la Francia (3,338), la Germania (2.199), il Regno Unito (1.849) e il Portogallo (1.011). Per tutti rinunce e sacrifici. Ben il 46% racconta di aver fatto sacrifici. La famiglia rimane la ‘scialuppa di salvataggio’ per tutti i giovani che si trovano ad affrontare la crisi economica internazionale.

View the original article here<
/P>

Lascia un commento