Pongo fai da te, viva la creatività!

Educare i bambini ad avere una buona manualità è una cosa saggia, ma bisogna saper scegliere i prodotti giusti, soprattutto quando si tratta di bimbi molto piccoli che potrebbero inavvertitamente ingerire prodotti dannosi per la salute. Per questo motivo, oggi vi suggeriamo come realizzare il pongo fai da te, uno dei prodotti più utilizzati per la modellazione di oggetti creativi.

Grazie a questo pongo fai da te, potrete infatti lavorare con i vostri bambini in tutta sicurezza, poiché si tratta di una composizione realizzata con ingredienti naturali e, oltretutto, commestibili, quindi anche in caso di ingestione accidentale potrete star sicuri e continuare a divertirvi.

Ma passiamo al pratico e vediamo cosa occorre:

  • 230 gr di farina 00
  • 30 ml di olio di semi
  • 100 gr di sale fino
  • 24 gr di Cremor Tartaro
  • 350 ml di acqua calda
  • qualche goccia di glicerolo vegetale
  • colorante alimentare

Come preparare il pongo fai da te

Mettete in una ciotola la farina, il sale, il cremon tartaro e l’olio di semi. Mescolando con un cucchiaio di legno, cominciate ad aggiungere l’acqua calda. Mescolate fino a che la consistenza non sarà compatta, dopodiché mettete il tutto sul piano da lavoro per impastare a mano il pezzo di pongo fai da te.

Durante la lavorazione a mano, aggiungete il glicerolo vegetale, utile per dare lucentezza all’impasto.

Ora, dividete il tutto in panetti più piccoli, ad ognuno dei quali andrete ad abbinare il colore alimentare che preferite. Rimpastate bene affinché il colore risulti omogeneo. Il pongo fa da te così preparato può essere conservato in confezioni di plastica (con coperchio ermetico) per circa un mesetto.

Se qualche passaggio vi è poco chiaro, date uno sguardo al video qui sotto, pubblicato su YouTube dal canale Revisioni del tempo al quale il nostro articolo si ispira per ingredienti e dosi. Buon divertimento!

(fonte foto: kakonapraviti.net)

Fonte

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

Ti potrebbe interessare anche: