Smaltimento dei Raee

Un corretto smaltimento dei Raee è fondamentale per la salvaguardia dell’ambiente e consente di riciclare materiali utili per la produzione di nuovi apparecchi.PBRCon l’acronimo /Raee// vengono indicati i /Rifiuti da apparecchiature Elettriche ed Elettroniche//, che principalmente costutiscono residui di: grandi  e piccoli elettrodomestici, apparecchi informatici e per telecomunicazione, apparecchi per illuminazione, dispositivi medici, strumenti elettrici ed elettronici. I Raee vengono suddivisi in cinque /raggruppamenti// a cui corrisponde uno specifico trattamento: Raggruppamento R1, categoria freddo e clima che comprende frigoriferi, condizionatori e scaldabagno; raggruppamento R2, grandi bianchi, che comprende lavatrici, lavastoviglie, forni, piani cottura; raggruppamento R3 che comprende tv e monitor; raggruppamento R4 che comprende piccoli elettrodomestici, elettronica di consumo e apparecchi per illuminazione; raggruppamento R5 che comprende le sorgenti luminose.

/PPBRIl corretto trattamento dei /Raee// assume una particolare importanza in quanto questi rifiuti, al di là del raggruppamento a cui appartengono, possono contenere sostanze altamente inquinanti e quindi pericolose per la salute dell’ambiente e dell’uomo. Metalli pesanti, componenti alogeni ed  inquinanti come ad esempio il /mercurio// (contenuto specialmente all’interno delle sorgenti luminose) sono solo alcune delle sostanze che devono essere adeguatamente eliminate e smaltite attraverso un apposito trattamento di /bonifica// e messa in sicurezza degli apparecchi. Per questo motivo è molto importante osservare, specie per lampadine e /fonti luminose// in genere, una accurata /raccolta differenziata// dei Raee.

/PPIMG title=Raee alt=Raee src=”http://www.comefar.it/wp-content/uploads/2014/02/wpid-135326428.jpg” width=300 height=244 pagespeed_url_hash=”1567153038″Un adeguato smaltimento dei Raee risulta essere indispensabile soprattutto se si considera che negli ultimi anni la produzione di /apparecchiature hi tech// è cresciuta vertiginosamente e con essa anche la produzione di rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche. Secondo le statistiche, soltanto in Italia, nel 2012, sono state prodotte più di un milione di tonnellate di Raee, circa 18 chilogrammi per abitante.

/PPMa lo smaltimento dei rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche è fondamentale non solo per eliminare potenziali sostanze pericolose ma anche per ricavarne /materiali// che possono essere riutilizzati per la realizzazione di altri apparecchi. /Vetro//, ferro alluminio, rame e
/Plastica// sono i materiali principali che possono essere ottenuti dal trattamento dei Raee, per un quantitativo pari a circa il 90% dell’intero prodotto, da riutilizzare non solo nel campo degli elettrodomestici ma anche in altri settori come ad esempio quello dell’edilizia.

/PPBRI rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche possono essere smaltiti attraverso appositi
/Punti di raccolta// autorizzati ed idonei al loro trattamento. A questo proposito, il consorzio /Ecolight//, uno dei maggiori sistemi collettivi nazionali (raccoglie ben 1.500 aziende) per la gestione dei Raee, delle pile e degli accumulatori, ha redatto un /vademecum// utile sia ai privati che alle aziende, per un corretto smaltimento. Le possibilità indicate da Ecolight sono tre. La prima prevede il trasporto dei Raee in una delle 3648 /isole ecologiche// attrezzate per la loro raccolta differenziata.
/PI rifiuti dovranno essere messi nel cassonetto ad essi riservato in base al raggruppamento di appartenenza. La seconda opzione prevede che, nel caso invece venga acquistato un nuovo elettrodomestico, il vecchio apparecchio venga consenato direttamente al /rivenditore//, che provvederà ad affidarlo ad un punto di raccolta autorizzato. Per il consumatore il servizio è completamente gratuito e sarà sufficiente compilare l’apposita /scheda di consegna// per usufruirne. PNel caso a smaltire i Raee sia un’azienda, il terzo punto offre la possibilità di affidare il trattamento al servizio /Fai Spazio//, messo a disposizione proprio da Ecolight. Attraverso Fai Spazio, infatti, viene eseguita su tutto il territorio nazionale un’adeguata gestione dei rifiuti professionali, qualunque sia il quantitativo. Accanto a queste tre possibilità, inoltre, nella zona di /Bologna//, è in fase di sperimentazione il progetto europeo /Identis WEEE//, realizzato grazie alla collaborazione tra la multi utility /Hera//, Ecolight e la Fondazione spagnola /Ecolum//. Il progetto prevede l’utilizzo di cassonetti cosiddetti intelligenti /Raeeshop//, collocati nel parco commerciale /Navile//.

/PPIMG title=”Raee nel cestino” alt=”Raee nel cestino” /Piccoli elettrodomestici,// apparecchiature sportive e per il tempo libero, pile portatili, attrezzatura per hobbistica, mentre Ridomus offre il servizio di smaltimento e di riciclo di tutti i tipi di condizionatori.
/P
pa href=”http://www.lavorincasa.it/articoli/in/fai-da-te/smaltimento-dei-raee/” target=”_blank” rel=”nofollow”View the original article here/a
/P

Lascia un commento